Spiegazione del paradosso della sopravvivenza e della fibromialgia

  1. Homepage
  2. Benessere
  3. Fibromialgia
  4. Fibromialgia dal Mondo
  5. Spiegazione del paradosso della sopravvivenza e della fibromialgia
Spiegazione del paradosso della sopravvivenza e della fibromialgia

Spiegazione del paradosso della sopravvivenza e della fibromialgia


Un paio di settimane fa ho intervistato il dottor Isaac Eliaz per una delle mie domande e risposte in diretta su Facebook del mercoledì sera.

Puoi guardare il replay qui sotto.

Il “paradosso della sopravvivenza” del dottor Eliaz la teoria risuona davvero con me. Aiuta a spiegare così tanti strati sottostanti della sindrome fibromialgica. Soprattutto razzi fibrosi!

Secondo il “paradosso della sopravvivenza” i nostri corpi sono progettati per proteggersi da invasori potenzialmente dannosi. I nostri corpi e i trilioni di cellule che compongono il corpo sono interconnessi. Ogni volta che si incontra una sostanza potenzialmente dannosa, si innesca una reazione immunitaria di “sopravvivenza” che aumenta l’infiammazione.

Nei momenti di stress, quando le nostre cellule si sentono minacciate, il “paradosso della sopravvivenza” ci aiuta a proteggerci dal pericolo. Tuttavia, se lo “stress” non viene mai spento, il corpo continua a sentirsi minacciato. Lo stress cronico e il sentirsi minacciati innesca sostanze chimiche infiammatorie, sabota l’energia cellulare e porta a riacutizzazioni fibrose croniche.

Il “paradosso della sopravvivenza” aiuta a spiegare perché le persone con fibromialgia e condizioni simili si ammalano e perché spesso rimangono malate.

Ho curato centinaia di pazienti con fibromialgia negli ultimi due decenni e ho visto in prima persona come lo stress e il “paradosso della sopravvivenza” influenzino la loro salute in corso.

Non è insolito per me lavorare con un paziente, aiutarlo a superare i suoi sintomi di fibro solo per farli “divampare” e contattarmi qualche anno dopo.

Normalmente, questa riacutizzazione cronica in cui si trovano è stata innescata da uno stress cronico o acuto che non gestiscono correttamente. Abbiamo fatto tutto bene insieme, inclusa la correzione delle loro analisi del sangue (eliminando/normalizzando i marker infiammatori) solo per farli riacutizzare dopo un evento stressante o una serie di eventi, pochi anni dopo.

Come mai?

Credo che abbia a che fare con il “paradosso della sopravvivenza” e una risposta fuori controllo della galectina 3.

Quali sono le cause dell’infiammazione cronica?

Sia che colpiamo un dito del piede, sia che siamo esposti a batteri pericolosi o minacce tossiche, il sistema immunitario scatena una cascata di proteine ​​infiammatorie chiamate citochine, che orchestrano il processo di riparazione. Questa dovrebbe essere una risposta rapida che risolve il problema e poi regredisce, ed è tutto guidato dalla proteina di allarme principale.

Sfortunatamente, lo stress, le tossine, le diete elaborate, la mancanza di sonno e l’inattività e il nostro stile di vita frenetico possono mantenere il nostro sistema di allarme in allerta e contribuire a un’infiammazione malsana che non si spegne mai. Nei casi di infezione acuta, una risposta infiammatoria iperattiva, guidata dalla galectina-3, può portare a una micidiale tempesta di citochine, in cui gli organi vitali si chiudono a causa di un’infiammazione travolgente.

Quando l’infiammazione continua, si ottiene ciò che è noto come “inflammaging”, un’infiammazione cronica nel corpo che accelera il processo di invecchiamento e alimenta un’ampia gamma di malattie degenerative come malattie autoimmuni, cancro, malattie cardiache e altro ancora.

Nel tempo, il flusso costante di galectina-3 e relative citochine e altre proteine ​​infiammatorie può danneggiare seriamente cellule e tessuti. Finché il tuo corpo percepisce una minaccia, risponderà con l’infiammazione.

Ecco un articolo scritto dal Dr. Isaac Eliaz:

“Gli esseri umani, come ogni altra cosa, si sono evoluti per sopravvivere.

Il tuo corpo ha sofisticati meccanismi protettivi per mantenerti vivo e funzionante di fronte a minacce pericolose. Ma questa innata spinta alla sopravvivenza ha i suoi costi e blocca la naturale capacità del corpo di guarire veramente.

Sperimenti la tua spinta alla sopravvivenza direttamente nella risposta di lotta o fuga. Combatti o fuggi è quando la reazione difensiva del tuo corpo scatena un’ondata di sostanze chimiche e ormoni che ti danno una scarica di energia per proteggerti o sfuggire al pericolo. Ma mentre la modalità di combattimento o fuga è pensata per essere protettiva, può portare a danni a lungo termine e danni alla tua salute.

Se sei costantemente stressato e le tue risposte di sopravvivenza non si spengono mai, il tuo corpo è sempre in allerta e le tue naturali capacità di guarigione non possono funzionare naturalmente nel modo necessario. Ciò può causare danni gravi e duraturi alle aree critiche della salute, comprese quelle neurologiche, immunitarie, cardiovascolari e altre. Può anche accelerare l’invecchiamento e accorciare la vita. Quando stai affrontando un problema serio, come una malattia potenzialmente letale, la tua naturale risposta di sopravvivenza può interferire con la tua capacità di guarire.

Cercando di proteggerti, la tua risposta di sopravvivenza alimentata dallo stress a volte può essere più dannosa della malattia stessa. Questo è il paradosso della sopravvivenza e l’argomento del mio nuovo libro.

La chiave per la guarigione implica trasformare la tua spinta alla sopravvivenza in modo che funzioni per te, piuttosto che contro di te. Una volta padroneggiata la tua biochimica di sopravvivenza, utilizzando strategie collaudate, puoi attivare e liberare l’infinita capacità di guarigione del tuo corpo. Sono decenni che aiuto i miei pazienti a superare il paradosso della sopravvivenza e posso mostrarti anche come farlo.

Cos’è la modalità Sopravvivenza?

La modalità Sopravvivenza ti influenza a tutti i livelli: fisicamente, emotivamente, mentalmente e spiritualmente. È letteralmente uno stato di panico. Ti senti affrettato e non puoi fare un respiro profondo o rallentare. Ogni cellula del tuo corpo, comprese quelle colpite da malattie croniche e persino le cellule tumorali, combatte più duramente per rimanere in vita.

Il costante sopraffare, lo stress e la paura portano il sistema di allarme biochimico del tuo corpo a esagerare e combattere se stesso, invece di guarire.

Quando sei in modalità di sopravvivenza, il tuo sistema nervoso amplifica gli “ormoni del pericolo” come l’adrenalina e il cortisolo, influenzando la tua capacità di rilassarti, dormire e riparare. La modalità Sopravvivenza influisce negativamente sul metabolismo, sulla funzione intestinale e sui livelli di insulina e può cambiare il modo in cui le tue cellule producono energia, lasciandoti esausto.

Come parte della risposta di sopravvivenza, il tuo corpo fa appello alla sua principale proteina di allarme: la galectina-3, quella che io chiamo la “proteina di sopravvivenza”. La galectina-3 si attiva in risposta a malattie, lesioni o stress e innesca una cascata di risposte di segnalazione per la riparazione delle lesioni, tra cui infiammazione e fibrosi/formazione di tessuto cicatriziale.

Quando stai affrontando una minaccia fisica immediata, questi processi di riparazione sono cruciali. Ma quando il tuo corpo rimane in modalità di sopravvivenza basata sullo stress dopo che la minaccia è passata, la galectina-3 rimane attivata.

La galectina-3 continua a lanciare l’allarme, provocando gravi danni a cellule, tessuti e organi. La galectina-3 forma anche la spina dorsale delle barriere fisiche nel tuo corpo come i biofilm e il tessuto cicatriziale, che ostacolano le normali funzioni. Quando il tuo corpo rimane bloccato in modalità di sopravvivenza, i tuoi naturali processi di riparazione infiammatori superano il limite per diventare dannosi.

La linea di fondo: il sistema di risposta alla sopravvivenza del tuo corpo, governato dalla proteina di sopravvivenza Galectin-3, è fondamentalmente in contrasto con la tua capacità di guarire e prosperare.

Le tue naturali reazioni difensive si rivoltano contro di te, causando processi patologici potenzialmente letali e accelerando il processo di invecchiamento.

Ma c’è un modo per superarlo. Nei miei decenni di ricerca e lavoro clinico con il cancro e condizioni complesse, ho imparato che possiamo trasformare la nostra spinta alla sopravvivenza. Il tuo corpo ha una capacità illimitata e infinita di guarire, purché la tua risposta di sopravvivenza non interferisca.

Dalla modalità sopravvivenza alla prosperità

Potresti sentire di dover correre contro il tempo per trovare una soluzione. Ma quel senso di fretta, preoccupazione, ansia e stress può tenerti bloccato nella modalità di sopravvivenza, continuando questo circolo vizioso con ormoni e composti dello stress che possono peggiorare la tua condizione, invece di aiutarti a guarire.

Per quanto difficile possa sembrare, allontanarsi dalla modalità di sopravvivenza verso la vera guarigione richiede rallentare, respirare e rilassarsi il più possibile. Solo i sentimenti di sicurezza e protezione possono disattivare la modalità di sopravvivenza. Quando riesci a calmare lo stress, permette al tuo corpo di passare da una difesa reattiva a uno stato di guarigione.

Questo cambiamento innesca un potente cambiamento nella tua biochimica, fino al livello cellulare, e ti consente di iniziare il processo di guarigione di malattie croniche, infiammazioni e malattie.

Creazione di calma per la guarigione

Per iniziare, creare spazio per te stesso per guarire può aiutarti lungo il tuo percorso di recupero e guarigione. Ci sono diversi modi per farlo:

Creare spazio fisico con l’esercizio, che aumenta l’ossigenazione e riduce l’infiammazione Concedere spazio per il tempo, dandoti una pausa tra le azioni e per “lasciar andare” Creare spazio mentale con la meditazione consapevole, che ti dà spazio e chiarezza tra i pensieri per ridurre le fissazioni Creare spazio emotivo , praticando un cuore e una mente aperti per trasformare lo stress e le avversità e rilasciando negatività, rabbia e risentimento per creare spazio per l’amore, la compassione e la gentilezza”

Il dottor Eliaz consiglia Pectasol, una forma speciale di pectina di agrumi modificata (MCP) che aiuta a disattivare la galectina 3.

Il dottor Eliaz è stato così gentile da offrire alla nostra comunità uno sconto del 20% su uno qualsiasi dei suoi prodotti, incluso Pectasol e la sua formula Padma antidolorifica completamente naturale.

Usa questo collegamento www.yourfibrodoctor.com/special per saperne di più su questo prodotto rivoluzionario e ricevere il 20% di sconto sul tuo ordine.

Autore Avatar

Lascia un commento